Buongiorno dreamers,
quest’anno ho voluto seguire attivamente la Fashion Week, guardando tutte le sfilate online e creando un album con i miei capi preferiti di ogni stilista su Facebook.
In questo modo voi potete vedere rapidamente tutte le collezioni e io posso scoprire quali sono le nuove tendenze.
Penso che farò un post di recap per ogni città della moda anche sul blog, ma per ora potete trovare online l’album della NY FW e della London FW.

Tra le tendenze che ho scoperto ce ne è una in particolare che mi ha fatto innamorare!
Sto parlando della collezione di Anya Hindmarch, che ispirata dai videogame anni 80 ha realizzato dei capi unici. Spero di trovarli in versione dupes nei nostri negozi preferiti (Zara, Promod, PullandBear, Bershka, Stradivarius, Pimkie almeno uno di voi mi sta ascoltando?)

La stilista si è posta una semplice domanda, che è diventata la chiave intono a cui ha realizzato l’intera collezione.

“Do computers dream when they sleep?” ? Anya Hindmarch

Un chiaro riferimento a Blade Runner e a do androids dream of electric sheep?
E la risposta probabilmente è sì. E questi sogni sono gli stessi dei geek dagli anni 80 ad oggi.
I protagonisti? Tetris, Space Invarders, Pac Man e la Pixel Art.
Voi potete capire che, da amante dei retro game, questa collezione per me è una delle più belle di questa Fashion Week.

Anya Hindmarch è famosa per fare le cose in grande, realizzare delle sfilate speciali che diventino dei veri eventi. Per l’invito che cosa poteva utilizzare se non un cubo di Rubik argentato? Io mi immagino già Anna Wintour che salta qualche appuntamento della sua agenda per risolvere il famoso cubo!

Questa collezione è sicuramente memorabile per gli accessori, che sono statement e instagrammabili allo stesso tempo!
Le borse di diverse forme e texture riescono ad essere iconiche e molto portabili allo stesso tempo.
Il pattern ispirato dalla pixel art sembra voler essere una versione contemporanea del classico pitonato (che è presente anche in versione originale in questa collezione). Questo stile è sicuramente tornato in voga grazie anche al film Pixels, che se non avete visto vi consiglio!
Le texture così diverse tra di loro riescono a rendere ancora più unici questi look, con cui non vi nego che andrei in giro senza problemi! Se solo il mio portafoglio me lo permettesse…
Possiamo trovare piccole pietre, pelle, pitonato, pelliccia e perline in un solo capo!
I colori sono i miei preferiti (manca solo il rosa) e in linea con le altre passerelle di questa Fashion Week.

I make up realizzati per la sfilata sono molto semplici, trucco nude e riga di eyeliner fluo; che mi ricordano molto Tron Legacy.
I capelli sciolti con la riga al centro sono la conferma di quanto tutta l’attenzione sia stata data ai capi, che risultavano perfetti anche da soli.

Posso ringraziare Anya di aver reso i sogni di una piccola nerd fashionista realtà, ora devo solo sperare di ricevere in regalo una grande quantità di bit coin per comprarmi tutto! ?

 

Space Invaders and Pixel Art!

 ANYA HINDMARCH London Fashion Week AW 16 17 fashion dupes nerd stivali geek space invaders bootsANYA HINDMARCH London Fashion Week AW 16 17 fashion dupes nerd space invaders bag borsaANYA HINDMARCH London Fashion Week AW 16 17 fashion dupes nerd bag beige space invaders ANYA HINDMARCH London Fashion Week AW 16 17 fashion dupes nerd borse space invaders moda ANYA HINDMARCH London Fashion Week AW 16 17 fashion dupes nerd borse space invaders pixel artANYA HINDMARCH London Fashion Week AW 16 17 fashion dupes nerd shoes space invaders pixel

 

Pac Man

ANYA HINDMARCH London Fashion Week AW 16 17 fashion dupes nerd fantasmino gost pac man ANYA HINDMARCH London Fashion Week AW 16 17 fashion dupes nerd greenANYA HINDMARCH London Fashion Week AW 16 17 fashion dupes nerd pac man space invaders ANYA HINDMARCH London Fashion Week AW 16 17 fashion dupes nerd make up

 

Tetris, Rubik and Pixel Art!

ANYA HINDMARCH London Fashion Week AW 16 17 fashion dupes nerd rainbown videogamesANYA HINDMARCH London Fashion Week AW 16 17 fashion dupes nerd stickers

Inoltre vi consiglio di leggere...